Si possono tradurre le espressioni idiomatiche?

  • Homepage
  • >
  • Blog
  • >
  • Si possono tradurre le espressioni idiomatiche?
tradurre espressioni idiomatiche

Quando si ha a che fare con una nuova lingua da imparare si tende subito a gettarsi sulla grammatica o sulle parole più comuni. Non si dovrebbero sottovalutare, invece, le espressioni idiomatiche: si tratta di frasi particolari, che possono fare sorridere ma che fanno a tutti gli effetti parte dell’uso quotidiano.

Le espressioni idiomatiche sono delle locuzioni che richiedono una classificazione a parte.

Si tratta di frasi che non possono essere tradotte o, per meglio dire, per essere tradotte necessitano di spiegazioni arzigogolate.
In altre lingue, infatti, una traduzione letterale di queste espressioni non ha un senso logico: il loro significato si basa su figure retoriche e combinazioni lessicali che possono essere interpretate solo dai madrelingua.
Per intenderci, in italiano fanno parte delle espressioni idiomatiche frasi come “abbassare la cresta“, “tirare il pacco” o “fare le corna”: tutti i parlanti della Penisola sanno perfettamente cosa significhino, ma risulterebbe piuttosto difficile spiegarlo a uno straniero.
Ovviamente vale anche al contrario: in inglese si usa dire as cool as a cucumber, che si traduce letteralmente “freddo come un cetriolo” ma rappresenta una condizione di imperturbabilità di fronte alle situazioni più critiche.
In tedesco, invece, è molto diffusa l’espressione idiomatica jemandem einen Bären aufbinden, letteralmente “legare un orso a qualcuno”: questa frase vuole restituire una condizione assurda e sottintende una presa in giro più o meno prolungata a un soggetto che ne avverte drammaticamente il peso.
Guardando al francese, una delle espressioni più comuni è quand les poules auront des dents!, ovvero “quando i polli avranno i denti”, che è più o meno l’equivalente dell’italiana ” quando gli asini voleranno “ indica, insomma, qualcosa che non potrà mai avvenire.

Tutte le espressioni idiomatiche sono generalmente legate a storie e tradizioni del luogo in cui si parla la lingua madre. Conoscerle e approfondirle, per chi si occupa di traduzioni o interpretazione significa avere una marcia in più: per questo, il consiglio è di creare un piccolo elenco ed esercitarsi, qualsiasi sia la lingua che si sta studiando.

Cerchi un professionista per questo tipo di lavoro?

Condividi

Aniti è socia di:

Aniti è rinosciuta da: