Pizza, pasta, ok : alcune delle parole universali

  • Homepage
  • >
  • Blog
  • >
  • Pizza, pasta, ok : alcune delle parole universali

È cosa nota: se si chiede una pizza qualunque ristoratore del mondo saprà di che si parli, che ci si trovi a Reykjavik per godersi i panorami islandesi o a Zanzibar per una vacanza esotica. Strano? Affatto: semplicemente, la parola pizza fa parte di quelle che potremmo chiamare parole universali.

Un gruppo  di parole usate e comprese in tutto il mondo.

Generalmente sono scritte allo stesso modo ma, molto più spesso, presentano delle variazioni che servono a renderle più facilmente pronunciabili nelle varie lingue.
Abbiamo fatto l’esempio della pizza, ma per restare in ambito italiano, non sono da meno gli spaghetti e la pasta: discutibili metodi di cottura a parte, sono alimenti noti in tutti il mondo e mantengono il loro nome.
Un’altra parola universale e molto usata è mamma. Questo termine è uno di quelli che subìsce qualche piccola variazione in altre lingue (eomma in coreano, mom o mommy in inglese, mami in ceco), ma è comunque compreso in ogni parte del mondo, in qualsiasi lingua lo si pronunci.

Lo stesso vale per pigiama: pare che questa parola venga dalla lingua indi. In questa cultura indicava pantaloni larghi e maglia altrettanto larga, usati per dormire. Gli inglesi esportarono un termine che identificava la mise, pajama che, con il tempo, divenne d’uso comune e si diffuse in altre lingue (bijama in arabo, pizsama in ungherese, per esempio).
Anche la parola caffè ha subìto lo stesso destino: derivante dal turco kahve, il termine si è diffuso molto velocemente ed è poi diventato d’uso comune con l’arrivo della bevanda in tutti i bar e in tutte le catene di ristorazione del mondo.
Infine, tra le parole universali c’è OK, O.K. o Okey : considerata una delle più diffuse in assoluto,  a qualsiasi latitudine. Questa parola è forse l’unica ad avere una data di nascita documentata: il 23 marzo del 1839, quando il Boston Morning Post la utilizzò in un suo articolo come abbreviazione di “oll korrect” una versione deliberatamente alterata e scherzosa di “all correct”. Restano comunque innumerevoli le teorie sulle sue origini, tanto che servirebbe un post interamente dedicato a questa parola per elencarle tutte!

Cerchi un professionista per questo tipo di lavoro?

Condividi

Aniti è socia di:

Aniti è rinosciuta da:

© 2021 A.N.I.T.I. Associazione Nazionale Italiana Traduttori e Interpreti  C.F. 97184630156 | Privacy Policy | Note legali | Cookie Policy