Il cioccolato un buon amico del traduttore: perché?

  • Homepage
  • >
  • Blog
  • >
  • Il cioccolato un buon amico del traduttore: perché?
cioccolato

Nelle notti insonni di chi lavora come traduttore e ha delle consegne urgenti da finire, un solo vero amico può correre in soccorso e farvi rimanere svegli: il cioccolato!

Capita spesso che i lavori di traduzione abbiano un inizio certo e una fine alla quale si arriva di corsa, perché le scadenze si avvicinano più velocemente di quanto previsto, o perché la traduzione ha richiesto più impegno rispetto a quello preventivato.

Un bel boost alla nostra attenzione e alle nostre capacità lo dà proprio il cioccolato, delizioso derivato dai semi di cacao che si presenta sui banchi del supermercato sotto ogni forma: fondente, al latte, con nocciole, bianco, alla menta, agli agrumi e in tante altre varietà ancora.

La proprietà più conosciuta legata al consumo di cioccolato è quella di stimolare il rilascio di endorfine nel corpo. Le endorfine sono sostanze chimiche rilasciate dal cervello e dotate di una potente attività eccitante e antidolorifica. Tralasciando la potenzialità analgesica, è proprio la capacità eccitante che riesce non solo a tener svegli, ma a migliorare anche l’umore e la concentrazione.

Il cioccolato è quindi ancor meglio del caffè per riattivare i sensi un po’ intorpiditi dalla stanchezza. Ricordiamoci che una minima quantità di caffeina è naturalmente presente anche nel cioccolato.

La capacità delle endorfine di aumentare il nostro senso di pace e serenità si traduce anche in una riduzione dei livelli di stress, ed effettivamente, nei periodi di maggior impegno lavorativo, è di certo un sollievo importante che permette di proseguire al meglio il nostro lavoro.

Quale cioccolato scegliere per accompagnarci nelle nostre ore di lavoro? Sicuramente quello fondente almeno al 70% che conserva la maggior parte delle proprietà nutrizionali originali del cioccolato. Il meno indicato è invece il cioccolato bianco, poiché deriva dal burro di cacao ed è molto lavorato, perdendo quindi quasi del tutto i benefici del cacao puro.

Attenzione, però, a non assumerlo se si soffre di frequenti emicranie: sembra che la betafeniletilamina naturalmente contenuta nel cioccolato sia legata anche all’insorgenza di mal di testa per chi soffre di emicrania cronica.

Cerchi un professionista per questo tipo di lavoro?

Condividi

Aniti è socia di:

Aniti è rinosciuta da:

© 2021 A.N.I.T.I. Associazione Nazionale Italiana Traduttori e Interpreti  C.F. 97184630156 | Privacy Policy | Note legali | Cookie Policy