5 consigli per una traduzione perfetta

traduttore

Non tutti quelli che hanno studiato Lingue possono definirsi traduttori. Solo frequentando il corso specifico di Traduzione e Interpretariato, e che hanno poi proseguito gli studi in Traduzione, conoscono i veri segreti per realizzare delle traduzioni accurate.

A dirla tutta, i traduttori professionisti sanno bene che la traduzione perfetta non esiste ma certamente esiste una traduzione accurata, fedele e frutto di una incessante ricerca che non può prescindere dalla conoscenza del contesto, ossia di tutto quello che ruota intorno al testo stesso.

Se si tratta di un romanzo, ad esempio, il traduttore deve conoscere la storia dell’autore, il suo stile di scrittura, l’epoca storica in cui lui ha vissuto e quella in cui è ambientato il romanzo, il genere letterario a cui appartiene e tante altre nozioni fondamentali per creare una buona traduzione.

La professione di traduttore si fonda innanzitutto su due competenze: quella linguistica e quella tecnica. Quest’ultima si divide a sua volta, da una parte, nei metodi e strumenti specifici del lavoro e, dall’altra, nella specializzazione.

Ecco quindi cinque consigli da seguire per diventare un eccellente traduttore professionista.

Scegli una specializzazione

Approfondisci la conoscenza di un singolo campo e concentrati su quello. Scegli quale tipologia di traduttore vuoi essere: finanziario, scientifico, medico, tecnico, eccetera. Il traduttore deve disporre di una competenza tecnica molto solida nel settore nel quale si dichiara specializzato. Solo se il traduttore ha un’effettiva competenza tecnica in uno o più campi ben precisi a prescindere dalla competenza linguistica, avrà la possibilità di guadagnare a sufficienza.

Usa i termini tecnici corretti

Se ti occupi di traduzioni tecniche, trova i corrispettivi corretti per i termini tecnici e non usare perifrasi. Mano al vocabolario, usa le enormi risorse presenti su internet o chiedi aiuto ai più esperti nei casi in cui non trovi proprio il termine che stai cercando. Tutto l’aiuto possibile è ben accetto, tranne ricorrere a giri di parole nelle traduzioni tecniche.

Crea il tuo glossario personale

Se hai seguito il primo consiglio e ti occupi di una sola materia, ti capiterà spesso di ritrovare le stesse parole in diversi testi. In questo caso crea un tuo glossario personale utilizzando una rubrica o un’agenda, o ancor meglio i software di traduzione che ti consentono di memorizzare e salvare parole o interi costrutti.

Leggi tutto il testo, poi traduci

Non iniziare a tradurre se prima non hai letto tutto il testo. Capire il contesto e il significato complessivo è importante per rendere omogeneo il testo tradotto dall’inizio alla fine.

Traduci nella tua lingua madre

Specialmente all’inizio, preferisci le traduzioni dalla lingua straniera alla tua lingua madre. Ti darà modo di conoscere sempre più l’altra lingua prima di cimentarti nella traduzione inversa nella quale potrai sentirti sicuro dopo anni e anni di esperienza e solo se avrai modo di diventare bilingue oppure se ti avvarrai della revisione di un collega madrelingua.

Cerchi un professionista per questo tipo di lavoro?

Condividi

Aniti è socia di:

Aniti è rinosciuta da:

© 2021 A.N.I.T.I. Associazione Nazionale Italiana Traduttori e Interpreti  C.F. 97184630156 | Privacy Policy | Note legali | Cookie Policy