Albi dei CTU e Periti di Tribunale: al via gli Albi telematici e l’Elenco nazionale  

  • Homepage
  • >
  • News
  • >
  • Albi dei CTU e Periti di Tribunale: al via gli Albi telematici e l’Elenco nazionale  

Con D.M. del 4 agosto 2023, n. 109, (DM109/23) entrato in vigore il 26 agosto 2023 di cui vi avevamo già parlato in questo articolo (news) sono stati istituiti gli albi telematici in ogni tribunale, suddivisi in settori e specializzazioni, oltre a un elenco nazionale complessivo, che opera ugualmente solo in modalità telematica. Il Ministero della Giustizia ha realizzato un unico portale denominato “Portale Albo CTU, periti ed elenco nazionale”. Nel DM. 109/23 sono specificati i requisiti necessari sia per le nuove iscrizioni che per il mantenimento delle iscrizioni mediante l’integrazione e aggiornamento delle informazioni (art. 6). Vi suggeriamo, quindi, di rileggere l’articolo di cui sopra (news). 

Il 5 dicembre 2023 sono state pubblicate le specifiche tecniche relative alla tenuta con modalità informatica degli albi dei CTU e dei Periti sul sito internet del Ministero della Giustizia e l’accesso al portale sarà reso disponibile a partire da oggi 4 gennaio 2024. Dopo 60 giorni (il 4 marzo 2024) cesserà ufficialmente la validità e l’utilizzo degli albi cartacei.

PER I PROFESSIONISTI GIA’ ISCRITTI

Ai sensi dell’art. 10 del D.M. n. 103 del 2023, i professionisti che alla data di entrata in vigore del detto decreto (26 agosto 2023), erano già iscritti all’albo CTU tenuto in modalità analogica, mantengono l’iscrizione e potranno chiedere di essere inseriti in uno o più settori di specializzazione della categoria di appartenenza o di una diversa categoria, allegando all’istanza da inoltrare telematicamente la documentazione prescritta dal medesimo decreto ministeriale.

Pertanto, i CTU e i Periti già iscritti negli albi circondariali tenuti in modalità cartacea alla data del 4 gennaio 2024, dalla medesima data dovranno ripresentare la domanda di iscrizione attraverso la procedura telematica prevista sul suddetto Portale senza necessità di effettuare un nuovo pagamento del bollo e della tassa di concessione governativa. Per l’iscrizione, occorre accedere al Portale unico nazionale dei CTU e periti e l’accesso è consentito tramite SPID o CNS.

Ma attenzione: le domande dovranno essere ripresentate entro il termine perentorio del 4 marzo 2024. Se il professionista vuole iscriversi presso un Tribunale diverso da quello originariamente scelto, dovrà farà una iscrizione nuova.

A decorrere dalla predetta data del 4 marzo 2024, gli albi CTU e gli albi dei periti, già costituiti in formato analogico, saranno sostituiti ad ogni effetto dagli albi telematici istituti in ogni tribunale.

Tutte le informazioni sono reperibili sul sito del Ministero di Giustizia al seguente indirizzo:

https://www.giustizia.it/giustizia/page/it/come_fare_per_iscrizione_albi_consulenti_tecnici_periti

dove sono stati pubblicati anche due utili tutorial per agevolare gli utenti all’inserimento delle domande.

Vi ricordiamo che è necessario, preliminarmente, possedere uno Spid e una Pec registrata presso l’elenco del Ministero (anche attraverso il Reginde).  

LE NUOVE ISCRIZIONI

Per quanto riguarda, invece, le nuove iscrizioni all’Albo CTU, ai sensi dell’art. 5, comma 10, del D.M. n. 103 del 2023, le stesse potranno essere presentate dai professionisti esclusivamente tra il 1°marzo e il 30 aprile e tra il 1° settembre e il 31 ottobre di ciascun anno con modalità telematiche e i medesimi albi, in ogni ufficio giudiziario, saranno tenuti con modalità esclusivamente informatiche. Per i Periti non sono previste specifiche finestre temporali per le nuove iscrizioni. Altresì, l’art. 24-bis disp. att. c.p.c., come introdotto dall’art. 4, comma 2, lett. g), del d.lgs. 10 ottobre 2022, n. 149, prevede l’istituzione presso il Ministero della giustizia di un elenco nazionale dei consulenti tecnici d’ufficio, suddiviso per categorie e contenente l’indicazione dei settori di specializzazione di ciascuna categoria

Cerchi un professionista per questo tipo di lavoro?

Condividi